Test


silver 26mm

CARATTERISTICHE TECNICHE:
  • Tipo: Plossl
  • Focale: 26mm
  • Campo apparente: 52°
  • N° Lenti: 4 in due gruppi
  • Produzione: Japan
  • Trattamento: multy coated





































































silver plossl

Una vecchia pubblicità su catalogo auriga ove compaiono i Silver Plossl





Celestron-Vixen Silver Plossl 26mm


COSTRUZIONE MECCANICA E QUALITA' OTTICA:

In tempi in cui gli oculari per telescopi possiedono campi apparenti di 100° e vengono addirittura riempiti di azoto come le gomme di un’ automobile, sembrerà un eresia spendere qualche parola su vecchi schemi e produzioni uscite di scena ormai da molti anni, ma è mio desiderio ricordare questo “ good old fashioned “ silver Plossl della Vixen a volte marchiato anche Celestron.


Il Plossl da 26mm in questione era fornito negli anni ’80  a corredo di alcuni strumenti sia Vixen che Celestron ed era appartenente alla gloriosa serie Silver così nominata per il colore argento dello chassis. Le scritte verniciate con un bel  rosso vivo conferivano un aspetto elegante a tutta la serie.


Lo schema ottico di questo oculare che ho acquistato nell’ usato a 30 euro ricalca alla perfezione  il progetto di Plossl, due doppietti cementati che si fronteggiano.

Le lenti sono bloccate dal lato dell’ occhio dalla vite circolare che funge da paraluce conico. La costruzione e l’ assemblaggio ottico è a mio parere il migliore mai riscontrato in decine di altri oculari che ho testato e posseduto. Le lenti infatti venivano inserite nel cilindro dalla parte dell’ occhio e successivamente chiuse con la vite circolare, la perfetta rettifica dell’ interno consentiva di ottenere un perfetto centraggio delle ottiche; le lenti in fase di montaggio come ho potuto constatare scivolavano dolcemente all’ interno della cella senza avere eccessivo spazio laterale che avrebbe causato (come oggi accade spesso) un disallineamento degli assi ottici dei due doppietti. Inoltre la possibilità di inserire le lenti dall’ esterno anziché dall’ interno consentiva un migliore controllo e sicurezza sull’ assemblaggio. Non era necessario per centrarle ad hoc alcun tipo di colla interna, che ho trovato ad esempio in un televue plossl da 15mm. ( scelta assurda a mio parere )


test silver plossl

A distanza di 20 anni questo oculare aveva le lenti ancora perfettamente pulite senza graffi, strisci o aloni né polvere. Ottimo l’annerimento ottico dell’ anello spaziatore e perfetto altrettanto l’ annerimento laterale dei due doppietti cementati, basta pensare che la Meade negli anni 90 ancora  non introduceva sui Plossl 3000 l’ opacizzazione laterale delle lenti.

Il diaframma di campo è ricavato in questo plossl dall’ intero blocco della cella, come negli attuali Televue Plossl  lo spazio che separa tale field stop dal doppietto che si affaccia verso lo strumento è completamente filettato e annerito a dovere, caratteristica di elevata finitura che abbatte ogni tipo di riflesso possibile.


Il trattamento anti riflesso di un colore verde-azzuro e a tinte brune –violacee sulle superfici interne si dimostra di elevata qualità ed elimina qualunque tipo di immagine fantasma.

I due doppietti hanno dimensioni generose e la paralasse è minima. Il diaframma di campo che chiude 53° di campo è nitidissimo e ben calibrato.

Nessun calo di luminosità è avvertibile al bordo.

La resa dei colori e la loro saturazione è stupefacente, il potere risolutivo in asse è ai massimi livelli e le immagini stellari sono puntiformi fino ai bordi estremi.

Le stelle sono prive di cromatica laterale anche ai bordi del campo, l’assenza di paraluce e la particolare forma conica dell’ oculare che mette per il nostro occhio  praticamente su di un “piatto”  la lente,  rende quasi grandangolare l’osservazione.


Osservando qualunque oggetto come pianeti, luna stelle brillanti ecc, ecc la luce diffusa è inesistente, tutto si staglia su di un fondo cielo scurissimo.

La trasmissione luminosa è ai massimi livelli! Distorsione assente.

Immagini brillanti e contrastatissime su tutto il campo.


CONCLUSIONI:

In molti anni di osservazioni raramente ho trovato un oculare così nitido e corretto, superiore anche ad un super plossl a 5 elementi Meade japan da 26mm serie smooth sided che ho testato.


Se dovessi trovare un difetto direi che si sente la mancanza di una presa in gomma che tra l’ altro proteggerebbe bene anche da eventuali cadute l’ oculare.

Sono convinto che ad oggi è molto, ma molto difficile ottenere il contrasto, risoluzione  e purezza di immagine che questi Plossl offrivano. L' opacizzazione interna è perfetta, ad essere pignoli sarebbe stato ottimo l' utilizzo dello spaziatore ottico filettato, ma in questo caso la vernice è ad alta opacità e la differenza sarebbe stata minima. Chi è fortunato possessore di questi oggetti, fa bene a tenerseli stretti, anche se hanno un campo medio di 52°  in tempi come questi ove molti sono sempre alla ricerca di oculari sempre più grandangolari e complessi, è difficile trovare un oculare a questi livelli di qualità ottica.

Questo vecchio Silver Plossl come i suoi fratelli di diversa focale rappresentano a mio avviso dei pezzi di assoluto pregio e da collezionisti,  nettamente superiori ai Plossl serie 3000 japan e ai Plossl Televue. Peccato che non li fanno più. Inutile precisare che i Plossl cinesi costruiti oggi che assomigliano a questa serie niente hanno a che vedere con quelli originali.

                   
Davide Sigillò