Test



test Epic
La
La serie Orion Epic ED2




CARATTERISTICHE TECNICHE:
  • Tipologia: Oculari ED Long eye reliefe
  • Focali: Da 25mm a 3,7mm
  • Campo apparente: 55°
  • Produzione: China
  • Numero lenti:6 in 4 gruppi






test oculari epic

La versione celestron X-cell; medesima degli Epic Orion








Orion Epic ED 2



Gli Orion Epic ED 2  oltre che sotto il marchio dell' azienda americana, sono  anche venduti  dalla Celestron  (serie X-Cel), Night-owl e Telescope Service Paragon ED.


Test e qualità ottica:
Sono Oculari che possiedono uno schema ibrido a 6 elementi multi trattati e anneriti ai bordi.
Il primo gruppo ottico è formato da un oculare simile ad un plossl con uno dei due doppietti cementati separati, mentre il secondo gruppo ottico è costituito da un doppietto negativo in vetro ED che secondo la pubblicità dovrebbe aumentarne notevolmente le prestazioni eliminando totalmente l'aberrazione cromatica.

Ho preso in esame le focali da 25mm, 22mm, 9,5mm e 7,5mm. La costruzione è molto buona e solida ed il design gradevole. hanno una comoda scatola a vite in plastica ed un buon paraluce ripiegabile ed amovibile. Buona l'opacizzazione, ma migliorabile. Ottima la pulizia delle lenti.

Il 25mm provato su vari rifrattori a campo curvo si comporta molto bene fornendo immagini a fuoco anche al bordo estremo ove occorre solo una piccola variazione di focheggiatura rispetto al centro.
Eccellente correzione della distorsione e dell' aberrazione cromatica. Forniscono un' immagine con una dominante un po' giallina che non è sempre gradevole. La parallasse è molto marcata in tutte le focali. La trasmissione luminosa è  inferiore a quella che fornisce un plossl di analoga focale.

test orion epic ed 25mm

 Confrontato il 25mm Epic visibile in foto con un Meade Plossl serie 3000 della medesima focale made in Taiwan l' Orion era molto più corretto dalle aberrazioni extra assiali fornendo un' immagine puntiforme fino al bordo estremo, ma il serie 3000, che tra l'altro non era nemmeno made in japan, osservando un ammasso stellare a 24x mostrava un immagine al centro più secca e luminosa. Il difetto  maggiore da segnalare nelle focali da 22mm e da 25mm è la presenza di un field stop non a fuoco anche inserendo l'oculare nel focheggiatore o nel diagonale. Tutto imputabile al fatto che il diaframma di campo che dovrebbe delimitare il campo di 55° non c'è...! Il campo viene infatti delimitato dal  cono metallico interno, che contiene il doppietto Ed negativo e che distanzia lo stesso dal primo gruppo ottico. Ragion per cui sembra di osservare in un campo apparente molto minore di quello dichiarato. La parallasse è evidente e a volte fastidiosa, c'è chi li odia o chi li ama non vi sono vie di mezzo! Tale errore è aumentato dal fatto che l' elemento negativo in vetro ED è contenuto in una cella che straborda troppo verso l'interno dell' ottica, sarebbe stato sufficiente utilizzarne una un po' più larga e marginale per ridurre notevolmente questo problema. Il contrasto è buono, ma non al pari di un ottimo plossl od ortoscopico. Osservando le stelle il cielo rimane scurissimo, ma la puntiformità e trasmissione luminosa è inferiore a quella offerta da schemi a 4 elementi così come la neutralità cromatica risulta un po' falsata con una dominante un po' troppo gialla.

Il 9,5mm ed il 7,5mm invece hanno un diaframma di campo ben nitido ed abbassando o rimuovendo il paraluce sembra di avere a disposizione 60° dotati di un buon contrasto, privi di distorsione , astigmatismo  e  con immagini nitide anche ai bordi ove compare un po di cromatica laterale. Davvero gradevole osservare in queste focali che rendono ampio respiro alle osservazioni. La luna a 75x risulta contenuta ancora nel campo del 9,5mm e mostra un ottimo contrasto. Questo schema risulta come altri analoghi tipo gli Lv o derivati molto sensibile alla polvere, evidenziando eventuali impurità o sporco sulle lenti
Non ho approfondito le altre focali in quanto mi trovo più a mio agio con oculari semplici ma che forniscono il massimo contrasto e trasparenza in asse. Gli  Orion Epic ED in virtù del loro schema ottico tendono a diventare molto ingombranti allo scendere della focale.

Conclusione:
Mi sento di consigliare senza alcun dubbio l'acquisto di questa serie o della medesima TS  Paragon Ed o X-cell. l'unica differenza che potete riscontrare è nel prezzo, alcuni sono proposti a 49 euro altri a 100 euro, ma la sostanza è la stessa, scritte e colori a parte.
Sono oculari universali  che possiedono un' ottima correzione delle aberrazioni ed hanno un buon contrasto, comodi soprattutto ad alti ingrandimenti e per chi usa occhiali, unico difetto un diaframma di campo gravemente sfocato nel 22mm e 25mm e una leggera dominante giallastra.
Elevato rapporto qualità-prezzo.

  Ecco un breve riassunto di confronto del 25mm ED contro un comune Plossl.

                                        EPIC ED 25mm                                  PLoSSL Serie 3000 25mm    
 Contrasto al centro:          BUONO                                              OTTIMO
 Astigmatismo:                   ASSENTE                                            EVIDENTE AL BORDO
 Distorsione:                      ASSENTE                                            PRESENTE DA META' CAMPO
 Luce diffusa:                    ASSENTE                                            ASSENTE
 Immagini fantasma:           ASSENTI                                            ASSENTI
 Resa cromatica:                DISCRETA                                          OTTIMA
 Parallasse:                       EVIDENTE                                           MINIMA     
 Trasmissione luminosa:      BUONA                                               ECCELLENTE
 
FOTO: L' Orion Epic ED 2 da 3,7mm

   oculare Epic